I ghiacciai dall’alto: ricognizioni in elicottero

Lunedì scorso abbiamo avuto la possibilità di osservare i ghiacciai della Svanetia da un punto di vista unico e di incredibile fascino: il cielo. Grazie al lungo e amichevole lavoro degli Ambasciatori di Georgia e Italia, il Ministero della Difesa e dell’Ambiente georgiano ci ha concesso l’utilizzo di un elicottero militare giunto nella regione per una serie di esercitazioni. La visione aerea di valli, montagne e ghiacciai in ore diverse durante la giornata e quindi con luci ed ombre sempre differenti, è stata di fondamentale importanza per avere un quadro di insieme dello stato di innevamento dei ghiacciai al termine dell’estate e ci ha permesso di osservare molti particolari con un grado di dettaglio impossibile da raggiungere con le classiche esplorazioni a terra.

I voli sono stati pianificati, con il prezioso aiuto dei piloti, per selezionare le valli da sorvolare e le modalità di volo più adeguate per il tipo di riprese che avevamo in mente di realizzare, in modo da coniugare le necessità di addestramento dei militari con le esigenze scientifiche e fotografiche della spedizione. Molte valli, un tempo visitate dagli esploratori storici, sono oggi difficilmente raggiungibili a piedi, a causa dei forti arretramenti di alcuni ghiacciai e dal progressivo abbandono degli alpeggi più alti, oggi fortemente colonizzati dalla vegetazione.

Grazie a questa opportunità unica, invece, ci è stato possibile effettuare importanti confronti con alcune antiche fotografie impossibili da effettuare altrimenti. Inoltre, potendo osservare i ghiacciai da una prospettiva così privilegiata, è stato possibile studiare i bacini di accumulo dei ghiacciai posti oltre i quattromila metri di quota, spesso irraggiungibili a piedi, e trarre così conclusioni molto più accurate sul comportamento di quegli stessi ghiacciai che avevamo potuto visitare solo nelle porzioni inferiori. Per gli operatori della troupe del documentario è stata un’eccellente opportunità per realizzare splendide riprese delle montagne della Svanetia, esaltando il fascino e la bellezza di territori incontaminati e spesso inesplorati.

[nggallery id=43]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Share this page